Una chiesa fatta di alberi, con una cupola fatta di stelle

Una chiesa fatta di alberi, con una cupola fatta di stelle
Acuto Fiuggi Magazine Natura Territorio

Presentato il progetto Chiesa Verde dell’associazione Lungobosco

Il primo agosto, presso la Trattoria Nù dello chef stellato Salvatore Tassa, l’associazione Lungobosco – di cui Tassa è presidente – ha presentato “Verso la Chiesa Verde”.

Lungobosco Associazione Fiuggi Acuto

Il progetto, realizzato dagli architetti dello studio M+M di Fiuggi, è quello di creare una vera e propria chiesa nel bosco tra Fiuggi e Acuto. Una chiesa consacrata, con tanto di croce e altare dove poter dire messa. Ma con una particolarità: che è una chiesa tutta fatta di alberi, con una cupola fatta di stelle. Una chiesa a tutti gli effetti, dunque, ma immersa nella natura. In questo c’è un richiamo all’enciclica di papa Francesco, “Laudato Sì”, in cui il Papa pone in evidenza il tema del rispetto dell’ambiente, evocando il Cantico delle creature di san Francesco quando loda il Signore per le sue meravigliose creature.

Progetto Chiesa Verde (M+M studio)

Una chiesa a tutti gli effetti ma immersa nella natura

Già trovata l’area di riferimento, si tratta di un terreno – riconosciuta zona SIC (Sito di Importanza Comunitaria) che appartiene alla Veneranda Confraternita del Santissimo Sacramento ed Immacolata Concezione di Fiuggi, che con entusiasmo ha aderito al progetto.

Numerosa la partecipazione di amministratori locali e associazioni impegnate sul territorio

Numerosa la partecipazione di  amministratori locali di Acuto (il sindaco Augusto Agostini, l’assessore Matteo Rea, il consigliere Alessio Guidoni) e di Fiuggi (l’ass. ai Lavori Pubblici e allo Sport Marco Fiorini, i consiglieri Martina Innocenzi e Angelo Terrinoni) e tante anche le associazioni presenti (La Confraternita di Fiuggi, La Caramella Buona, Federalberghi, Unitalsi, Lega Ambiente) che hanno espresso parere favorevole sul progetto “Chiesa Verde”, convinti che solo facendo sistema si può creare una vera e propria tutela ambientale e una politica di sviluppo del turismo sostenibile.

Il vescovo della Diocesi Anagni-Alatri Mons. Loppa ha già dato il suo consenso, si tratterà ora di definire i successivi passaggi per rendere esecutivo il progetto.

Andrea Giorgilli