Storie di borgo sospese nel tempo

Storie di borgo sospese nel tempo
Città Curiosità Fiuggi Magazine Mangiare Natura Territorio

Storie di borgo sospese nel tempo

Passeggiare nel borgo della città alta, perdersi tra vicoli e piazzette, scoprire antichi mestieri e locande d’epoca

Salendo su al borgo, in quella parte della città che gli abitanti di Fiuggi chiamano “Fiuggi città”, si incontra un caratteristico centro storico risalente al Medioevo, quando Fiuggi si chiamava Anticoli di Campagna. Il magnifico borgo arroccato su 747 metri d’altezza, tranne una parentesi napoleonica, ha sempre legato i suoi destini a quelli dello Stato Pontificio. È la parte più antica quella racchiusa all’interno delle mura, con un rincorrersi di vicoli, piazzette, ripide scalinate, case una sull’altra. Pittoresco e, nello stesso tempo, testimone di una vitalità ancora attiva, è qui nel borgo che si trovano personaggi più caratteristici e veri.

Botteghe Fiuggi

Non è raro trovare le porte delle case aperte, signore sedute intente a lavorare a maglia o a preparare antiche ricette. Passeggiando nel borgo si ascoltano storie del vicolo, si incontrano vecchie cantine e affascinanti botteghe artigianali, si passa bifore e portali in pietra dalla bellezza senza tempo.

Chiesa Fiuggi

Un itinerario nel borgo che attraversa testimonianze architettoniche di antichi palazzi padronali, la Collegiata di San Pietro in via Maggiore con opere della scuola romana del ‘600, la Chiesa di Santo Stefano (nata su un tempio romano dedicato ad Apollo), e appena fuori dal borgo la Chiesa di San Biagio (il patrono di Fiuggi) del 1100 che conserva un affresco del XIII secolo, e un’acquasantiera ricavata da un capitello romano. In questo labirinto di stradine non perdetevi l’appuntamento con i sapori locali: all’estremità del borgo incontriamo la Locanda, ristorante tipico ricavato nella roccia di un antico edificio dell’800; In via del Soldato Ignoto al n. 9 vi aspetta la Taverna del Castello, tra i migliori interpreti della cucina ciociara.

Ambiente country-chic in pietra con arredi in legno, elementi in ferro battuto con stemmi medievali d’epoca, pareti dipinte a mano che creano un’atmosfera romantica d’altri tempi. Assaggiate i cannelloni con ricotta e melanzane, le sagnette ciociare con germogli di rosmarino, oppure le scamorze racchiuse in cofanetti di pasta phillo. Ottima la cantina con le migliori etichette legate alla Strada del Vino Cesanese del Piglio.