Il sedano più buono è a Sperlonga

Il sedano più buono è a Sperlonga
Benessere Città Latina Magazine Mangiare Natura Sperlonga Territorio

Tutto ciò che dovete sapere sul Sedano I.G.P. di Sperlonga

Il nostro viaggio alla scoperta delle eccellenze territoriali prosegue sul versante tirrenico del Lazio, in direzione di Sperlonga, la “perla del Tirreno”, habitat di un prodotto straordinario con marchio I.G.P. sin dal 2012. Parliamo dell’ecotipo Sedano Bianco di Spelonga I.G.P., appartenente alla specie Apium graveolens L. var. dulce, coltivato prevalentemente nel territorio di Sperlonga e Fondi a partire dagli anni ’60 del secolo scorso, inizialmente nella modalità “in pieno campo” e poi in coltura protetta.
La produzione avviene da marzo a giugno, tramite la germinazione di semi ottenuti da un processo di selezione fototipica. Un controllo particolare è riservato ai primi cinquanta giorni dalla semina, dato l’alto rischio di contaminazione da parte delle erbe infestanti.
Per l’irrigazione si usa il sistema a pioggia oppure la microirrigazione, mentre la raccolta viene effettuata manualmente recidendo la pianta per mezzo di un coltello.
Il Sedano Bianco di Sperlonga I.G.P. risulta chiaramente riconoscibile nelle sue caratteristiche fisiche. Il colore è bianco (con leggerissime sfumature verde chiaro), non molto fibroso e con costolature poco evidenti. Fresco e dolce al palato, è certamente indicato per essere cotto, ma il suo sapore straordinario si evince al meglio se consumato crudo.
Potete provarlo nelle insalate estive, in abbinamento a una gustosa tartare di pesce e perché no, farne un bel gelato o sorbetto artigianale. La ricetta base per un gradevole sorbetto refrigerante prevede l’utilizzo di estratto di sedano e zucchero miscelati sapientemente tra loro. Varianti sperimentali della preparazione tradizionale vedono invece l’aggiunta di limone, menta e altri ingredienti a piacere.
Nel tempo, il grande successo ottenuto sia a livello qualitativo che commerciale, ha indotto i produttori a riunirsi all’interno dell’Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’agricoltura del Lazio e adoperarsi per ottenere il riconoscimento del marchio Indicazione Geografica Protetta (I.G.P), arrivato, appunto nel 2012.
Un’affermazione indiscussa e assolutamente meritata per un prodotto unico, inconfondibile, frutto di una Terra meravigliosa e tutta da scoprire. Per provare il Sedano Bianco di I.G.P., visitate Sperlonga: affascinante borgo marinaro all’estremità del Lazio, in provincia di Latina. Impossibile non innamorarsene!

Sorbetto al sedano bianco IGP