La nuova gestione degli impianti sciistici di Campocatino

La nuova gestione degli impianti sciistici di Campocatino
Campocatino Città Curiosità Magazine Natura Sport Tempo libero Territorio

Molti benefici per la zona

Campocatino, una tra le Ski area più importanti della Regione Lazio, si prepara alle tante novità dei prossimi mesi. Il dicembre appena trascorso ha segnato la svolta. Infatti la società Snowstar s.r.l. , in cui figurano Funivie Bolognolaski s.r.l. e Marco Finori s.r.l. entrambe al 50%, ha vinto il bando decennale per la gestione degli impianti sciistici di Campocatino. L’area è dotata di ben 14 piste, due skilift e una seggiovia, può ospitare un numero elevato di sciatori ed amanti della montagna. Questa operazione porterà importanti ritorni economici in tutta la zona.

Gli interventi principali

Gli obiettivi degli investitori sono due: quello di operare un restyling, e poi di potenziare la stazione sciistica per farla diventare un punto di riferimento del panorama sciistico del centro Italia. È prevista l’installazione di tappeti nel camposcuola e un nuovo impianto di innevamento artificiale. La stazione ha un grande bacino per l’approvvigionamento idrico che va impermeabilizzato e una rete di 5 km di innevamento che va completata posizionando generatori di neve in punti nevralgici.

I nuovi obiettivi attraverso le parole dei dirigenti

A tal proposito accogliamo con entusiasmo le parole di Francesco Cangiotti – amministratore delegato di Funivie Bolognolaski srl – rilasciate in un’intervista esclusiva al sito scimarche.it: “«Siamo molto soddisfatti del risultato, e con questo affidamento decennale, prorogabile per ulteriori 10 anni, la nostra società avrà modo di poter investire sulla stazione ed apportare interventi strutturali in stretta collaborazione con il comune di Guarcino. Nonostante i tempi strettissimi abbiamo iniziato i lavori per poter salvare la stagione sciistica in corso e tutta la stazione sarà pronta per poter aprire all’arrivo della neve entro il 19-20 gennaio. La seggiovia quadriposto e le due sciovie che coprono un area sciabile di 15 Km dai 1640 ai 2000 metrineve permettendo saranno aperti tutti i giorni fino a che l’innevamento lo permetterà. Ma la vera stagione 2.0 di Campo Catino sarà la 2020/2021 quando avremo un anno di tempo per poter effettuare un restyling completo dell’immagine del comprensorio.». I primi interventi però devono essere portati a termine nel minor tempo possibile per garantire l’apertura della stagione 2020 e consentire ai professionisti e alle attività di poter lavorare.

Carlo Nardacci