Ricette di quarantena

Ricette di quarantena
Atina Cultura Curiosità Mangiare Sostenibilità Territorio

In questi lunghi mesi tra zone rosse, arancioni e gialle siamo stati e siamo spesso in casa, impegnati nel lavoro da remoto, nei lavori domestici, nelle nostre varie attività, nei nostri hobby.

Molti di noi però per ingannare il tempo hanno cucinato tutto quello che conoscevano, hanno rispolverato i ricettari della mamma, della nonna ed hanno provato ricette dal mondo con risultati molto variabili.

CUCINATINA 2020, il libro che svela le ricette antiche della Ciociaria

Sicuramente Patrizia Patini le sue prove le ha messe a frutto, scrivendo un libro di ricette della tradizione, originali o rielaborate in chiave moderna, dal titolo CUCINATINA 2020, un libro pronto in forma digitale che può essere prenotato per averne una copia cartacea.

Patrizia Patini è una “vecchia” amica, ricercatrice e promoter territoriale, scrittrice esperta di territorio, di prodotti tipici, ristoratrice, sommelier dell’olio e del vino … ma soprattutto amante delle cose buone e sane.

La chiamo al telefono e tra una chiacchiera ed un ricordo le faccio un po’ di domande: “Patrizia quali ricette hai provato? Tutte della tradizione?” “Ricette che normalmente cuciniamo nel nostro ristorante di Atina, Le Cannardizie, ma anche qualche piatto rivisitato per gli amici e raccontato nei momenti di convivialità proprio a tavola. In effetti raccolgo spesso notizie storiche e tradizioni popolari di altri tempi, in quanto adoro chiacchierare con le mie vecchiette di riferimento che hanno dai 90 anni in su, tra cui mia mamma (93). Non puoi immaginare quante sorprese nel confrontarsi con altre generazioni e quante ricette inedite ancora da ritrascrivere…gli anziani sono proprio una grande ricchezza!”

Una cucina “salutista” con molte verdure, legumi, cereali

“Alcune di queste ricette possiamo definirle salutiste?” “Ma certamente! Non si può dimenticare il principio delle pietanze contadine, ovvero quelle a cui ci riferiamo nei nostri menu; nella civiltà rurale la semplicità e la povertà erano la base per il reperimento degl’ingredienti. Non si tratta solo di momenti storici e condizioni dettate dalla società in crisi economica (tra le due guerre in particolare) si tratta piuttosto di una cultura atavica in netta sintonia con la natura e le stagioni dell’orto, senza limiti di accostamento di gusto, con poca carne rossa, molte verdure, legumi e cereali integrali, inoltre “senza sprechi”. Insomma salute in piena regola.”

“I prodotti utilizzati sono i prodotti del territorio?” “Sempre e solo quelli, perché non dobbiamo mai dimenticare la diversità della materia prima in rapporto al luogo d’origine, quindi bisogna pensare prima di tutto alle tipicità quale dovere materiale e, perché no, morale. In aggiunta a questa mia dichiarazione, frutto del mio amore incondizionato per i prodotti ciociari, posso dire che in provincia di Frosinone si trova qualsiasi eccellenza enogastronomica di cui una cucina possa aver bisogno.”

Dal cannellino di Atina DOP alle Pappafuocchie, tutto il gusto della Val Comino

“Qual è il prodotto che in assoluto ami di più o che risulta più amato dai tuoi clienti?” “Il fagiolo cannellino di Atina DOP è senz’altro il più gettonato. A me piace molto servito tiepido con olio evo, ma molti ospiti del ristorante lo preferiscono con la pasta maltagliata, rigorosamente impastata con acqua e farina, che in dialetto chiamiamo Pappafuocchie.”

“Patrizia vorrei ospitarti in questa avventura dei mercoledì del gusto, spingendoti a raccontarci di volta in volta di alcuni prodotti di eccellenza della Valle di Comino, che ne dici? Ci diamo appuntamento col Pecorino di Picinisco a fine febbraio?” “Direi proprio di sì. Per me è sempre un onore e un gran piacere parlare dei prodotti tipici del Lazio Meridionale e della Val Di Comino, in fondo non posso che divulgare il verbo e … il gusto di queste nostre terre fantastiche. A presto!”

E così dopo una telefonata fiume ci siamo lasciate con un prossimo appuntamento, cosa ci racconterà dei prodotti della Valle di Comino, lo scopriremo nei prossimi mercoledì.

Anna Maria Di Carlo