Firmato il protocollo d’intesa per la ciclovia BasLa

Firmato il protocollo d’intesa per la ciclovia BasLa
Cicloturismo Città Curiosità Frosinone Magazine Sport Tempo libero Territorio

Un passaggio importante per il progetto

Ieri è stato compiuto un ulteriore passo in avanti per il progetto della ciclovia del basso Lazio – la BasLa – che vi avevamo raccontato qui. Infatti è stato firmato il protocollo d’intesa presso l’Assessorato Regionale alla Mobilità alla presenza di Marcello Pigliacelli, Presidente della Camera di Commercio di Frosinone, Mauro Alessandri, Assessore regionale alla Mobilità e il Presidente del Consiglio Regionale Mauro Buschini

Questo passaggio burocratico permette al progetto di arrivare alla Conferenza Stato – Regioni, ed è necessario per far entrare la BasLa nel gruppo delle Ciclovie Nazionali diventando così l’undicesima finanziata dal governo. Nel progetto sono stati coinvolti altri protagonisti come l’Università degli Studi di Cassino e la sezione Turismo di Unindustria Frosinone che hanno partecipato attivamente alla fase di studio del progetto.

Gli obiettivi del progetto

L’obiettivo dichiarato da tutte le parti in causa è quello di inserire la BasLa nel Sistema Nazionale delle Ciclovie Turistiche, farla diventare la connessione cicloturistica tra nord e sud del nostro paese, con più di 200 km di percorsi ricompresi nelle direttrici europee Eurovelo 5 (via Francigena) e 7 (Ciclovia del Sole).

La volontà è quella di rendere la Ciociaria una meta turistica che possa sfruttare la vicinanza con Roma, a tal proposito si è così espresso Pigliacelli “Dobbiamo lanciare la sfida ‘Lazio Regione di Roma’, basandoci sul modello ‘Parigi-Ile De France’, ovvero quello secondo cui le località attorno alla capitale francese godono di un turismo di riflesso”. Ha continuato dichiarando che “abbiamo le risorse necessarie per attrarre turisti e convincerli a tornare. Il progetto di fattibilità presentato alla Regione prevede che la ciclovia ciociara possa passare attraverso i centri storici, rendendo il percorso unico e appetibile. Con un impegno di circa 40 milioni di euro per 200 km di tracciato, la nostra proposta comporta la costituzione di un Consorzio, con la Camera di Commercio ente capofila e responsabile di tutte le spese organizzative. I Comuni interessati al passaggio della ciclovia, invece, potranno indire bandi di gara sui lavori da svolgere nei tratti di pertinenza”

Carlo Nardacci

ciclovia basso Lazio Ciociaria
Il progetto della Ciclovia BasLa