La Via Benedicti

La Via Benedicti
Cassino Città Collepardo Curiosità Magazine Natura Subiaco Tempo libero Territorio Veroli

Le Abbazie di San Benedetto

A piedi lungo il cammino di San Benedetto. La scoperta di eremi e abbazie nel cuore verde d’Italia.

Subiaco

Francesco Petrarca definisce Subiaco “la soglia del paradiso”. Questo luogo non è solo monasteri benedettini ricchi d’arte, di cultura e spiritualità, ma è anche una cittadina dominata dalla Rocca, scrigno di bellezza e meraviglia. E ancora percorsi di natura sul fiume Aniene o sui monti Simbruini, sport con sci e rafting, ed enogastronomia, il tutto in un mix bilanciato e perfetto.
Di Carlo (Lega Ernica)

Convento di San Francesco

Poco distante dal ponte omonimo è un tesoro di opere d’arte. Gli affreschi di un allievo del Pinturicchio, quelli del Bazzi detto il Sodoma ed il trittico di Antoniazzo Romano donano al luogo una attrattiva unica. Suonando al campanello del convento (sperando che le suore vi aprano) o accompagnati da una guida abilitata di Lega Ernica, vi tufferete in qualcosa di insolito ed unico, assolutamente poco noto.

Il rifugio dell’anima

La Ciociaria è terra di Abbazie benedettine. Un viaggio affascinante seguendo il cammino di San Benedetto tra bellezze naturali, opere di rilevanza storica, esperienze di vita spirituale. Sono queste le atmosfere di grande contemplazione che troverete lungo la Via Benedicti della Ciociaria alla scoperta di meravigliose abbazie.

Subiaco con i Monasteri di Santa Scolastica e San Benedetto del Sacro Speco; la Certosa di Trisulti a Collepardo; l’Abbazia di Casamari a Veroli; l’Abbazia di Montecassino a Cassino.

Monastero di Santa Scolastica

Il Monastero di Santa Scolastica, fondato intorno al 500, è il più antico monastero del mondo. Nel XV secolo giunsero molti monaci tedeschi, i diffusori della nuova arte della stampa che ancora oggi garantiscono al monastero la nomina di “culla della stampa” in Italia.

Monastero San Benedetto o del Sacro Speco

Incantevole. Qui San Benedetto si ritirò in preghiera per circa tre anni in una grotta (visitabile) in completo stato di isolamento. Dopo questa esperienza, cominciò a diffondere il suo insegnamento tra i giovani; nacque così la comunità dei monaci benedettini. Nel sec. XII, proprio sopra la grotta dell’eremita, venne realizzato il Monastero del Sacro Speco che, con il passar del tempo, fu ampliato fino ad assumere la solenne bellezza di oggi.

Per chi è in cerca di misticismo una visita da non perdere.

Collepardo

Certosa di Trisulti

Certosa di Trisulti

Immersa tra il verde dei boschi, sospesa in un’aurea di spiritualità: così appare la certosa di Trisulti a quanti, risalendo le pendici del monte Rotonaria, restano rapiti dalle imponenti mura del complesso monastico. In quei luoghi, scelti sin dai tempi più antichi da quanti ricercavano una vita di preghiera e di meditazione lontani dalla civiltà, vive ancora oggi una piccola comunità monastica impegnata a custodire e a tramandare quei valori religiosi, morali e culturali che da sempre caratterizzano la terra di Ciociaria.

Fa parte del complesso la chiesa, ad unica navata, che si presenta ai visitatori in tutta la sua ricchezza negli affreschi e nei dipinti alle pareti mentre marmi pregiati impreziosiscono l’altare. Abili artisti hanno lasciato traccia della loro maestria nel coro cinquecentesco e negli arredi lignei ma a stupire il visitatore è la farmacia, unica nel suo genere, cui si accede attraverso un giardino con siepi di bosso dalle forme fantasiose realizzate lì dove cresceva l’antico orto botanico.

Cretaro (Lega Ernica)

Veroli

Abbazia di Casamari

Bella e austera. Una delle maggiori espressioni dello stile gotico di derivazione francese in Italia, l’Abbazia di Casamari – risalente all’anno mille – conserva immutata i caratteri di rigore e semplicità dovuti anche ad una quasi totale assenza di elementi decorativi. Passata in mano cistercense nel sec. XIII, è immersa in una zona dalla ricca vegetazione. Nel magnifico complesso dell’abbazia è possibile visitare la Chiesa, il Chiostro, luogo di preghiera e di incontro dei monaci, l’Aula del Capitolo esempio gotico-cistercense, il Refettorio.

Cassino

Abbazia di Montecassino

L’imponente Abbazia fondata da San Benedetto nel 529, destinata a diventare il centro benedettino più importante d’Europa, subì molte distruzioni, un terremoto (1349), e fu rasa al suolo dal bombardamento degli Alleati il 15 marzo 1943. L’abbazia, come la vediamo oggi, è una perfetta ricostruzione di com’era prima della Seconda Guerra Mondiale. Per tutto il Medioevo fu centro di grande importanza culturale grazie all’opera dei monaci che praticavano e diffondevano gli studi di medicina, musica, astronomia, diritto, filosofia, traducendo dal latino e dal greco le opere dell’antichità. Le spoglie di San Benedetto e della sorella Scolastica sono conservate nella bella cripta sotto l’altare.

Il Percorso