La ciclovia del Basso Lazio

La ciclovia del Basso Lazio
Alatri Atina Broccostella Cassino Castro dei Volsci Ceccano Cicloturismo Città Cultura Curiosità Ferentino Fiuggi Frosinone Fumone Isola del Liri Magazine Natura Paliano Roccasecca Roma Sport Tempo libero Territorio Veroli

Il progetto della ciclovia BasLa

La ciclovia del basso Lazio – Ciclovia BasLa – è un’ idea che sta prendendo forma, sta diventando sempre più concreta, un progetto di mobilità integrata sostenibile per il cicloturismo che si snoda attraverso numerose percorrenze battute non solo da noi ma anche da molti personaggi illustri dell’antichità. Negli scorsi mesi la Camera di Commercio di Frosinone ha raccolto le adesioni a questo progetto da parte dei vari Comuni, Organizzazioni, Enti, Associazioni della Ciociaria interessate a prenderne parte, con l’obiettivo comune di fare squadra per dar vita ad un modello di turismo sostenibile, che recuperi e valorizzi il territorio, crei identità, dia occupazione. L’obiettivo della Camera di Commercio di Frosinone è quello di inserire la BasLa nel Sistema Nazionale delle Ciclovie Turistiche approvato dal Governo, farla diventare la connessione cicloturistica tra nord e sud del nostro paese, con più di 200 km di percorsi ricompresi nelle direttrici europee Eurovelo 5 (via Francigena) e 7 (Ciclovia del Sole).

La presentazione del progetto al Bike Summit 2019

La Ciclovia BasLa è stata presentata durante l’edizione 2019 di Bike Summit, importante evento di Unioncamere, Legambiente, Isnart e Legambici tenutosi a fine marzo a Roma; in questa occasione si è fatto il punto sull’economia generata dal cicloturismo in Italia e una panoramica dei percorsi attivi e quelli da attivare. I numeri parlano chiaro, il cicloturismo muove una quantità di persone notevole, si contano 77,6 milioni di presenze tra strutture ricettive e abitazioni private che generano un valore economico pari a 7,6 miliardi di euro all’anno; queste sono cifre significative, bisogna puntare sul cicloturismo a maggior ragione in questa fase di sviluppo così da sostenere il movimento oltre che il territorio.

Parla il Presidente della Camera di Commercio

Il Presidente della Camera di Commercio di Frosinone, Marcello Pigliacelli, si è espresso così riguardo la BasLa: “Il nostro è un progetto relativamente giovane ma ben strutturato e di ampio respiro. Grazie al suo ruolo di connessione tra il Nord e il Sud del Paese, ha già trovato la condivisione da parte della Regione Lazio. Il passo successivo sarà la firma del protocollo d’intesa tra la Regione, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, per rientrare tra le ciclovie a priorità nazionale. Un obiettivo che possiamo centrare se il progetto della Ciclovia del Basso Lazio sarà condiviso pienamente a livello locale. Il turismo lento è già una vocazione del nostro territorio: dal 2015, quando l’Ente Camerale ha avviato la riorganizzazione dei Cammini di Fede, l’offerta ricettiva della provincia di Frosinone ha visto un incremento notevole. I numeri ci hanno dato ragione e per questo dobbiamo cogliere l’opportunità di rivitalizzare i nostri territori attraverso lo sviluppo del cicloturismo. Si tratta di una concreta opportunità di crescita e, non ultimo, di valorizzazione del patrimonio storico, culturale, artistico, enogastronomico che da sempre costituisce la nostra identità”.

La chiosa finale del Presidente Pigliacelli ha una grande importanza, dimostra che c’è voglia di agire, di realizzare un progetto valido che possa portare benefici e visibilità alla Regione Lazio e ai territori coinvolti, c’è voglia di valorizzare un terra che troppe volte è stata colpevolmente dimenticata.

Carlo Nardacci