Impressionisti francesi

Impressionisti francesi
Città Cultura Curiosità Magazine Musei Roma Tempo libero

Da Monet a Cezanne

All’interno del Palazzo degli Esami, nel cuore di Trastevere, si snoda il suggestivo percorso espositivo Da Monet a Cezanne, che racconta in maniera moderna e con tecniche pittoriche rivoluzionarie, la Parigi dell’800.

Il percorso espositivo condurrà il pubblico indietro nel tempo: un cuore bohémien, pulsante di creatività e innovazione, che si apprestava a cambiare una volta per tutte il volto dell’arte europea.
Circondati da un ambiente luminoso, ricco e dinamico, nascono gli Impressionisti francesi.

La grande mostra multimediale internazionale Impressionisti Francesi – da Monet a Cézanne rende omaggio ai grandi artisti ritenuti i precursori di un nuovo modo di osservare il mondo e la natura circostante, di esprimere l’immediatezza e la fluidità attraverso il contrasto di luci e ombre, i colori vividi in ambito pittorico.

La visita della mostra consente di ritrovarsi in un ambiente illuminato esclusivamente dalle immagini delle opere dei grandi maestri, così nitide e reali da sentirsi parte di esse.

Camminando tra gli ambienti multiscreen ci si può letteralmente immergere nelle opere tridimensionali in movimento e fruire di una spettacolare esperienza multisensoriale (effetto immersivo).
Migliaia di immagini raffiguranti i capolavori degli Impressionisti francesi vengono proiettate a pieno schermo grazie alla tecnologia SENSORY4™, proiettori ad alta definizione, una grafica multi canale e un suono surround contribuiscono a creare uno dei più coinvolgenti ambienti multi-screen al mondo.

Il modo in cui gli Impressionisti francesi rappresentarono modernità e movimento, luce e ombra, continua a venire ammirato ed emulato da generazioni di artisti.
A due secoli di distanza, la tecnologia di Grande Exhibitions SENSORY4™ dà vita al loro lavoro attraverso l’uso incredibile di luci ed ombre in un modo completamente nuovo che gli artisti stessi non avevano potuto neppure immaginare.

Concedete ai vostri sensi di godere della vista e dei suoni della Parigi del XIX secolo attraverso gli occhi dei pittori che l’hanno resa immortale.
A rendere ancor più suggestiva l’atmosfera generale è la vibrante colonna sonora, con le musiche di Debussy, Čajkovskij, Ravel, Offenbach.

L’evento internazionale, per la prima volta a Roma, ha registrato uno straordinario successo di pubblico, con oltre 80 mila presenze.
La grande affluenza, soprattutto di scolaresche, ha spinto l’organizzazione a prorogarlo fino al prossimo 3 marzo.
Sarà un’occasione anche per scuole e studenti di vivere la grande arte in modo nuovo grazie anche ai laboratori didattici predisposti per i diversi livelli di istruzione.

Silvia Frusone