Il grano Senatore Cappelli, biologico e italiano coltivato da RES Ciociaria

Il grano Senatore Cappelli, biologico e italiano coltivato da RES Ciociaria
Aquino Città Ferentino Magazine Mangiare Paliano Sgurgola Territorio

Nei primi anni del Novecento il genetista Nazareno Strampelli, selezionò da un grano africano, ritenuto “antico”, una varietà resistente ed adatta ai terreni del centro-sud, a cui decise di dare il nome di Senatore Cappelli, per dedicarla a chi gli aveva permesso di metterla a punto coltivandola sui suoi terreni nel foggiano.

Due uomini attenti all’agricoltura crearono così un grano duro adatto alla panificazione, ma anche a fare sia la pasta fatta in casa che quella secca da mantenere nel tempo.

Coltivato moltissimo in Italia dagli anni ’20 agli anni ’60 del secolo scorso ha rischiato di sparire perché si sono ricercati grani che crescevano più velocemente ed avevano più facilità nelle lavorazioni industriali, questi grani vengono in gran parte coltivati fuori dall’Italia, il Senatore Cappelli è proprio solo italiano.

E poi è sempre biologico, in quanto non sopporta eccessive concimazioni del terreno, tantomeno i pesticidi.

La pasta prodotta col Senatore Cappelli ha bisogno di tempi più lunghi e temperature di essiccazione più basse, queste sono le caratteristiche delle lavorazioni artigianali

Ha qualità nutrizionali eccellenti ma meno proteine e meno zuccheri ed una più bassa incidenza di glutine.

E poi ha sapore, la pasta o il pane fatti con questa farina hanno un sapore più particolare, qualcuno lo paragona al sapore del pane cotto a legna.

Dalle nostre parti RES Ciociaria ha ridato vita a coltivazioni con questo grano. Nel 2020 è stato coltivato in 3 luoghi: Aquino, Sgurgola, Paliano

Nel nostro territorio chi ha ridato vita a queste coltivazioni, con questo grano ritenuto antico ma che ha solo 100 anni è RES Ciociaria, nel 2020 è stato coltivato in 3 luoghi: Aquino, Sgurgola, Paliano. La molitura viene effettuata a Ferentino. I pastifici sono due: in uno si pastificano i semintegrali con 8 formati, e nell’altro i 2 formati in semola.

La pasta, come dicevamo, ha un buon sapore è digeribile e ben si adatta ad ogni tipo di condimento, per chi come me ama la pasta va assaggiata anche solo bollita e condita con un filo di olio evo.
Tutta da provare!

Anna Maria Di Carlo