Giovedì arriva il Giro d’Italia: da Cassino a San Giovanni Rotondo

Giovedì arriva il Giro d’Italia: da Cassino a San Giovanni Rotondo
Cassino Cicloturismo Città Curiosità Fiuggi Latina Magazine Sport Tempo libero Terracina Territorio

Dopo esser partito da Bologna sabato 11 maggio, il Giro d’Italia in questa prima settimana si sposta verso il Centro Sud (la città più a Sud sarà San Giovanni Rotondo). Nel Lazio si correrà in tre tappe: Orbetello – Frascati; Frascati –Terracina; Cassino – San Giovanni Rotondo.    

L’arrivo della carovana nel Lazio

La quinta tappa porterà il gruppo dai Castelli romani (Frascati – città di tappa) al mare di Terracina, in provincia di Latina per poi trasferirsi direttamente a Cassino.
La sesta tappa (giovedì  16 maggio) partirà dunque da Cassino per arrivare a San Giovanni Rotondo. Una tappa lunga ben 238 km fatta di strade a scorrimento veloce ampie e rettilinee con alcune gallerie, ma senza particolari asperità. Finale più impegnativo dove a 30 km dall’arrivo si affrontano salite e tornanti con pendenze del 6-5% sul Gargano.

Valerio Agnoli torna al Giro, le emozioni del campione ciociaro

È una bella tradizione quella del Giro d’Italia in Ciociaria, una terra che ama questo sport e che ha regalato molti atleti professionisti, ultimo dei quali il nostro Valerio Agnoli – fiuggino purosangue – che parteciperà al Giro di quest’anno insieme al suo capitano Vincenzo Nibali. Ma per capire le emozioni di questa corsa a tappe così affascinante bisogna leggere l’intervista che Valerio ha rilasciato nel numero appena uscito di Girocittà (2019): “…Quando corro il Giro d’Italia, dal Sud al Nord, entriamo nelle case degli italiani, nei piccoli centri. Sento quel tifo, guardo le loro facce, persone di ogni età, ecco quel momento lì mi ripaga di tutto…” Uno sport che unisce e che aiuta a scoprire territori nascosti, soprattutto la provincia.

Cassino, “Medaglia d’oro al valor militare”

Bellezze naturali e città storiche come, appunto, Cassino “Medaglia d’oro al valor militare”. Sarà dunque un’occasione per parlare della splendida Abbazia di Montecassino con il suo carisma, la sua storia. Un’Abbazia teatro di una delle operazioni militari più importanti della Seconda Guerra Mondiale: una serie di assalti militari degli Alleati contro i tedeschi da gennaio a maggio 1944. Nell’attacco finale l’Abbazia venne completamente distrutta, con enormi perdite di vite umane:  55.000 uomini tra gli Alleati, circa 20.000 tra tedeschi feriti e uccisi, ormai in ritirata. Unica nota positiva fu che poco prima dell’attacco finale, i tedeschi trasferirono manufatti, documenti e altri preziosissimi cimeli e tesori antichissimi presso la Città del Vaticano. Dopo la guerra Montecassino fu completamente ricostruita nello stesso posto di prima, con tutte le cose preziose riportate dal Vaticano nella sede di Cassino.  

Un Giro d’Italia con molti favoriti


Un Giro d’Italia che diventa un’occasione per parlare di storia, di guerra, di liberazione. Un Giro davvero bello e avvincente quest’anno, incertissimo fino all’ ultimo con Vincenzo Nibali, Primoz Roglic, Tom Dumoulin, Simon Yates che sembrano essere i grandi favoriti, anche se non mancheranno di certo le sorprese. Noi di Girocittà lo seguiremo ovviamente, con un tifo speciale per Valerio Agnoli augurandogli un’ottima corsa e magari – perché no? – una bella vittoria di tappa.

Andrea Giorgilli