Capitale della Cultura 2022: Arpino tra le semifinaliste

Capitale della Cultura 2022: Arpino tra le semifinaliste
Arpino Città Cultura Curiosità Località da visitare Magazine Territorio

Sono rimasti 28 paesi a contendersi il titolo, a novembre si avrà un vincitore.

Bel risultato per la cittadina ciociara che vede premiata la progettualità in termini di valorizzazione culturale e del territorio. Tra le città vincitrici negli scorsi anni spiccano Siena, Ravenna, Mantova e Pistoia.

La capitale italiana della cultura è una città designata ogni anno dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT), titolo che viene conferito per la durata di un anno alla città vincitrice che riceve un milione di euro per la realizzazione del progetto. In questo periodo la città ha la possibilità di mettere in mostra la sua vita e il suo sviluppo culturale. Tale iniziativa ha l’obiettivo di valorizzare i beni culturali e paesaggistici e di migliorare i servizi rivolti ai turisti.

Arpino è un centro abitato che sorge tra il fiume Liri e il fiume Melfa, circondato da una cinta muraria formata da blocchi di pietra ciclopiche chiamate, in riferimento alla loro forma geometrica, Mura Poligonali. La cittadina è adagiata fra due colline e, grazie alla sua posizione, è possibile ammirare gli incantevoli panorami del territorio circostante. Il paese può vantare numerose ricchezze storiche e culturali,  tra le feste principali ci sono il Pappone, il Favone e il Gonfalone. Tra i palazzi e le chiese da visitare citiamo quello del Cavalier d’Arpino e il palazzo Municipale, la chiesa principale è dedicata a San Michele Arcangelo, Santa Maria di Civita e Sant’Andrea Apostolo. Sono molti gli uomini illustri del territorio arpinate, tra cui Marco Tullio Cicerone, Giuseppe Cesari e il Cavalier d’Arpino.

Quest’anno Arpino è in gara con città come Ancona, L’Aquila, Pisa, Procida, Tropea e Carbonia.
La Giuria esaminerà le 28 semifinaliste entro il 12 ottobre 2020, da queste selezionerà i 10 progetti finalisti. Entro il 12 novembre 2020 sapremo il vincitore.

Non ci resta che aspettare e fare il tifo per la nostra cittadina ciociara.