Arrampicare in Ciociaria

Arrampicare in Ciociaria
Acuto Benessere Collepardo Magazine Roccasecca Serrone Sport Tempo libero Territorio

Uno sport “quasi” estremo

L’ arrampicata sportiva nasce nel 1987. Un gioco di equilibri costanti dettati da semplici regole.

In un primo momento questa disciplina si sviluppa come una costola dell’alpinismo, ma nel corso del tempo se ne discosta, connotandosi come uno sport non estremo, in quanto risultano quasi totalmente assenti le componenti di rischio derivanti dai fattori ambientali. Oggi infatti l’arrampicata si presenta come una delle attività più complete e formative, tanto da essere particolarmente consigliata anche ai giovanissimi.
Oltre ad essere un’attività sana e divertente, questa disciplina risulta essere anche particolarmente benefica sul piano mentale e psicologico, consentendo al praticante di riconnettersi con la parte più “naturale” di sé. Arrampicarsi in effetti, è qualcosa che da sempre ha a che fare con l’uomo, rievocando gesti innati e spontanei, dal momento che ogni bambino nel stato evolutivo tende, ancor prima di camminare, ad aggrapparsi su ogni cosa trovi funzionale al raggiungimento di uno scopo.

Al contrario dell’alpinismo classico, inoltre, l’arrampicata sportiva non è finalizzata al mero raggiungimento di una cima, ma si presenta per lo più come una prestazione sportiva, che consiste nel compiere la migliore performance finalizzata al completamento di un percorso delineato su strutture artificiali indoor o outdoor.

Le Falesie della Ciociaria

Il territorio della Ciociaria si presenta come una vera e propria palestra a cielo aperto per tutti gli appassionati di arrampicata sportiva. Spericolate discese lungo vorticosi e tortuosi torrenti, e ardite arrampicate in palestre naturali incavate nella roccia e su pareti a strapiombo, sono un fiore all’occhiello per tutti gli appassionati di Climbing.

Come si può evincere dalla tabella sottostante, lungo il territorio ciociaro si trovano 30 falesie attrezzate, per un totale complessivo di 1.019 vie di salita documentate.
Tra le più importanti, mete predilette degli scalatori sportivi, possiamo citare ad esempio quella di Picinisco. La falesia si presenta come quella con il maggior numero di vie documentate, quasi tutte opera di Fabio Lattavo.
Conosciuti anche come “I Pinnacoli di Magellano”, le pareti della falesia si presentano come un insieme di speroni di roccia immersi nel bosco e disposti lungo un pendio di circa 100m di dislivello. Immersi nel Parco Nazionale d’Abruzzo, tra Lazio e Molise, si presentano come un luogo di notevole interesse paesaggistico, offrendo delle vedute mozzafiato a picco sulla valle di Canneto e sopra il fiume Melfa.
La falesia si compone di 10 settori, ognuno ricavato su uno sperone o un blocco, collegati tra loro da un sentiero accessibile sia dall’alto che dal basso.
Data l’altitudine a cui si trova (tra gli 800 e i 900 metri), l’esposizione a Nord ed il fatto che sia immersa nel bosco, la falesia di Picinisco è prettamente una falesia estiva.

Seguendo lo stesso criterio, subito dopo, con ben 76 vie documentate, troviamo la splendida falesia di Caprile (Roccasecca), che si erge sul costone del Monte Asprano.
Il luogo è suggestivo regala splendidi scorci dominando l’intera vallata. Conosciuta dai più come “Braciere dei poveri”, le pareti della falesia del piccolo borgo risultano essere baciate dal sole per quasi tutto l’anno, tanto da essere una delle mete più ambite per le uscite invernali.

E poi ancora le falesie di Supino, di Acuto, la Cueva di Collepardo, le falesie di Serrone, Supino e ancora.
Insomma, se vuoi dimenticare, anche solo per poco, la monotonia della quotidianità, o la frenesia della città, vieni in Ciociaria, per scoprire la dimensione verticale, fatta di movimenti lenti e di forti emozioni.

Vieni ad arrampicarti in Ciociaria.

Numero delle Vie Cartografia e relazioni tecniche Nome della Falesia
23 SI Acuto
13 SI Amaseno
76 SI Caprile (Roccasecca)
29 SI Castrocielo
49 SI Collepardo Alta
39 SI Collepardo Bassa
24 SI Collepardo – La Cueva
25 SI Collepardo – Muro del Brigante
45 SI Colli
44 SI Fumone
30 SI Gole del Melfa – Regalo di Natale
24 SI Gole del Melfa – Hollywood
6 SI Gole del Melfa – Il Prologo
11 SI Gole del Melfa – Eremo dello Spirito Santo
6 SI Gole del Melfa – La galleria
6 SI Gole del Melfa – L’immondezzaio
14 SI Monte San Biagio
257 SI Picinisco
24 SI Roccasecca
14 SI Rupe di Giunone (Atina)
7 SI Serrone
71 SI Sora
25 SI Supino Alta
62 SI Supino Bassa
5 SI Supino – L’acquitrino
3 SI Supino – L’Orrido
5 SI Supino – La Stalla
15 SI Supino – Maiale degli Dei
30 SI Supino – Valle delle Seghe
37 SI Veroli